Prestiti Finalizzati: Guida Completa 2016

Prestiti finalizzati



I privati e le famiglie che chiedono un prestito per l'acquisto di beni di consumo sono spesso chiamati a fornire alla banca o alla società finanziaria il relativo giustificativo di spesa. I finanziamenti erogabili a fronte dell'obbligo dell'acquisto di beni di consumo rientrano nella categoria dei cosiddetti prestiti finalizzati, mentre i prestiti non finalizzati sono quelli che possono essere chiesti senza fornire alcun giustificativo di spesa.

Rientrano a loro volta tra i prestiti non finalizzati i prestiti personali che sono finanziamenti che prevedono l'erogazione di una somma di denaro al richiedente che poi può utilizzarla come meglio crede.

Prestiti finalizzati, le caratteristiche

Ne consegue che il prestito finalizzato è associato all'acquisto di un bene o di un insieme di beni potendo peraltro accedere spesso al credito direttamente presso il punto vendita dove viene perfezionato l'acquisto.

Questo accade, per esempio, presso le grandi catene di elettronica che per la concessione di prestiti finalizzati si appoggiano ad apposite convenzioni stipulate con gli istituti di credito e/o con le società finanziarie.

Ma lo stesso dicasi per le agenzie di viaggio, dove è possibile acquistare pacchetti vacanze a rate, e per tanti altri esercizi commerciali. Anche per questo, rispetto ai prestiti non finalizzati, i finanziamenti per l'acquisto di beni e servizi sono di norma caratterizzati da una maggiore semplicità di accesso al credito e da una fase di istruttoria che è decisamente più snella e più veloce.

Prestiti finalizzati, compri subito e poi paghi a rate





Le migliori società finanziarie operanti in Italia, per la concessione di prestiti finalizzati, hanno di conseguenza attive numerose partnership in convenzione con i principali operatori commerciali del nostro Paese non solo per quel che riguarda, come sopra accennato, i viaggi, le vacanze e gli articoli e prodotti di elettronica, ma anche per auto e moto, arredamento e moda. In questo modo è possibile acquistare tutto ciò che serve, per esempio l'arredamento completo per gli sposi, pagando poi a rate dopo aver scelto il piano di ammortamento avente la durata più congeniale nonché in linea con le proprie esigenze e le proprie capacità di spesa e di risparmio.

Prestiti finalizzati, i documenti

La documentazione richiesta per i prestiti finalizzati di norma si limita solo alla carta di identità, al codice fiscale ed alla busta paga, modello Unico o cedolino della pensione. I prestiti finalizzati, rispetto ai prestiti personali, di norma sono caratterizzati dall'erogazione di importi per poche migliaia di euro, ragion per cui questi vengono concessi per l'acquisto di beni anche a coloro che non hanno un reddito elevato.

Il prestito finalizzato concesso, da parte di chi ha acquistato i beni di consumo, sarà poi rimborsato con l'addebito delle rate su conto corrente bancario o postale, così come molte società finanziarie erogano i prestiti finalizzati con il rimborso a mezzo bollettini postali.

Detto questo, prima di accettare l'acquisto di beni di consumo con un prestito finalizzato è bene valutare la convenienza dell'operazione finanziaria nel suo complesso. E questo perché di norma, rispetto a quelli non finalizzati, i prestiti finalizzati vengono erogati con un tasso di interesse in media più alto così come spesso sono più alte pure le spese accessorie.



gennaio 2, 2017