Prestito Per Matrimonio: Come e Quando Richiederlo

Prestito per matrimonio



Le banche e le società finanziarie concedono prestiti per tante finalità, dall’acquisto dell’auto alle moto e passando per la ristrutturazione di immobili e per i viaggi e le vacanze. Inoltre, possono essere richiesti prestiti pure per andare a finanziare i costi da sostenere per le ricorrenze e per ogni altro evento. Al riguardo, tra i finanziamenti per le ricorrenze spicca il prestito per matrimonio che si può andare a chiedere alla banca o alla società finanziaria al pari di tutte le altre tipologie di prestiti finalizzati. Il prestito matrimonio può essere direttamente richiesto dalla coppia che sta per sposarsi, oppure può essere ad esempio un genitore, che è pensionato o lavoratore nel pubblico impiego, a chiedere ed ottenere credito stipulando un prestito matrimonio figlio Inpdap.

Prestito online per matrimonio

Detto questo, per chiedere e per ottenere un prestito per matrimonio basta presentare anche via web la richiesta dal sito Internet di una delle tante società di credito al consumo abilitate ed autorizzate ad operare in Italia. Le migliori società finanziarie, tra l’altro, propongono i prestiti per matrimonio flessibili, ovverosia tali che è possibile, ad esempio, saltare il pagamento di una rata e/o modificare la durata del piano di ammortamento. In questo modo è possibile ottenere il credito necessario per poter progettare il matrimonio in tutta serenità, dalla scelta dell’abito nuziale alla location dove tenere il ricevimento, e passando per tutte le altre spese riguardanti la cerimonia, dai fiori al fotografo.

Prestito per matrimonio, i documenti





Al pari di tutti gli altri prestiti finalizzati, pure per il prestito per matrimonio è necessario fornire alla banca o alla società finanziaria tutte le informazioni utili e la documentazione necessaria per avviare la procedura di istruttoria. Quindi, servono i dati anagrafici del soggetto che richiede il prestito, la copia del documento di identità e del codice fiscale, nonché tutta la documentazione necessaria che attesti il reddito percepito. In tal caso si può esibire la busta paga se si è lavoratori dipendenti, il modello Unico se si è lavoratori autonomi o liberi professionisti. Oppure ancora il cedolino della pensione se si è pensionati dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (Inps), ex Inpdap oppure di altri Enti previdenziali.

 

Prestito per matrimonio, quando richiederlo

Per chiedere un prestito per matrimonio al momento giusto è bene prima acquisire tutti i preventivi di spesa riguardanti le nozze. In questo modo è possibile risalire con certezza alla spesa complessiva da sostenere in modo tale da chiedere alla banca o alla società finanziaria la somma necessaria al fine di coprire con serenità tutti i costi da sostenere. E questo perché le voci di spesa legate all’organizzazione di un matrimonio spaziano dai costi per l’abito, per gli accessori e per le calzature degli sposi, agli abiti ed accessori per le damigelle e per i paggetti, e passando per le spese di cartoleria, dalle partecipazioni ai ringraziamenti e passando per i menù ed i segnaposti. Ed ancora spese per le fedi, noleggio automobile, servizio fotografico e riprese video, catering, bomboniere, intrattenimento musicale, fedi, addobbi floreali, luna di miele e viaggio di nozze.



febbraio 10, 2017