Prestiti Personali di Poste Italiane: Come Scegliere il Migliore?

Prestito Personale Poste Italiane







Ormai da qualche anno, l’attività delle Poste Italiane ha cominciato ad allontanarsi in maniera sempre più marcata da quella di un “tradizionale” servizio postale nazionale per finire con il trasformare la società in un gruppo più solido e dagli interessi che richiamano da vicino quelli tipici dei suoi omologhi europei.

Dalla comparsa delle carte PostePay in poi, le Poste sono diventate una vera e propria “banca 2.0”

Le Poste si sono lanciate anche nel mercato del credito al consumo raccogliendo i favori di migliaia di consumatori.

In questa recensione proveremo dunque a fornirvi una panoramica sui prestiti personali delle Poste Italiane cercando di evidenziarne punti di forza e debolezze al fine di aiutarvi a capire se il prestito Poste Italiane sia effettivamente quello che meglio si adatta alle vostre necessità ed alle vostre condizioni.

Prestito Personale Poste Italiane: Tutti i Programmi




l prestito personale alla Posta è una delle soluzioni di accesso al credito più diffuse e più comuni anche perché su tutto il territorio nazionale Poste Italiane è presente in maniera capillare con i propri uffici postali. Ma detto questo, quali sono attualmente tutti i prestiti personali delle Poste che è possibile sottoscrivere recandosi presso gli uffici oppure comodamente online?

Prestito personale BancoPosta di Poste Italiane

Ebbene, i prestiti personali delle Poste rientrano nella gamma dei prodotti Bancoposta a partire proprio dal ‘Prestito BancoPosta‘ che si può richiedere in qualsiasi ufficio postale compresi quelli che estendono l’orario di apertura anche al sabato mattina.

Prestito Poste ItalianeCon il prestito personale BancoPosta del Gruppo Poste Italiane è possibile ottenere credito fino a ben 30 mila euro, con un minimo di 3 mila euro e con il piano di ammortamento che può essere scelto da un minimo di 1 anno, ovverosia con dodici rate mensili, ad un massimo di 7 anni, ovverosia con il rimborso in 84 rate mensili.

Possono richiedere il prestito personale BancoPosta del Gruppo Poste Italiane tutti coloro che, residenti in Italia, hanno un reddito da lavoro oppure da pensione. Per avviare l’istruttoria di prestito personale basterà presentarsi un qualsiasi ufficio di Poste Italiane muniti di documento di identità in corso di validità, il documento di reddito e la tessera sanitaria/codice fiscale.

Il Prestito personale Bancoposta, che si può estinguere in ogni momento in via anticipata, in tutto o in parte, viene erogato da Poste Italiane con l’accredito e con il pagamento delle rate che, in base alla tipologia di clientela, può avvenire con i bollettini postali, con la Carta Postepay Evolution, con un conto corrente bancario oppure con accredito della somma da erogare e con l’addebito delle rate mensili direttamente sul Conto Corrente BancoPosta.

In via opzionale, e quindi facoltativa, al prestito personale Bancoposta di Poste Italiane è possibile associare anche una copertura assicurativa vita e danni a protezione del credito erogato ed a tutela del contraente e della propria famiglia al fine di poter sostenere ogni progetto di spesa sempre con serenità.

Prestiti Personali delle Poste Italiane, il prestito BancoPosta Flessibile




Una variante del prestito BancoPosta è il prestito personale BancoPosta Flessibile che, dedicato a coloro che sono titolari di Conto BancoPosta oppure di Libretto postale, permette di poter finanziare progetti di spesa in maniera comoda ed in tutta serenità in quanto ci sono le opzioni di cambio rata/salto rata. In questo modo il prestito, con durata fino ad 84 rate mensili, può essere spalmato con l’esercizio delle opzioni rata/salto rata fino a ben 108 rate mensili.

Prestito personale BancoPosta Consolidamento debiti

Per chi invece ha prestiti personali in corso di pagamento, con le Poste può sottoscrivere un prodotto di accesso al credito che permette di compattare i debiti da pagare in un unico prestito con una rata più sostenibile e con la possibilità di poter ottenere anche della liquidità aggiuntiva.

Questo succede con il prestito personale BancoPosta Consolidamento debiti per importi da 3 mila e fino a 50 mila euro, durata da minimo 3 a massimo 8 anni, accredito diretto sul conto BancoPosta e rata mensile costante nel corso dell’intera durata del piano di rimborso.

Piccoli Prestiti Personali delle Poste Italiane, il Mini Prestito BancoPosta

Per chi invece ha bisogno di un piccolo prestito, per un importo non superiore ai 3 mila euro, basta essere titolari di una carta postepay Evolution, quindi senza che sia necessario essere titolari di un conto corrente bancario o di un conto corrente BancoPosta, per chiedere ed ottenere il ‘Mini Prestito BancoPosta’ recandosi presso gli uffici postali dove basterà compilare un semplice modulo di richiesta muniti di carta di identità, di tessera sanitaria e di un documento di reddito.

Il prestito personale Mini Prestito BancoPosta di Poste Italiane può essere infatti richiesto dai titolari di carta postepay Evolution che hanno da un minimo di 18 ad un massimo di 70 anni per un importo di 1.000, 2.000 o 3.000 euro che sono rimborsabili secondo un piano di ammortamento che ha una durata unica pari a 22 mesi.

Prestiti Personali delle Poste Italiane con richiesta 100% online

Per chi vuole stipulare un prestito con le Poste, ma non vuole recarsi presso gli uffici, c’è pure il prestito personale Bancoposta online che permette di ottenere credito fino a 30 mila euro senza muoversi da casa. Nel dettaglio, grazie alla firma digitale il prestito si può chiedere ed ottenere con la procedura 100% online e con la possibilità di poter seguire e monitorare con il PC, in ogni momento, lo stato di avanzamento della pratica.

Con accredito diretto su conto BancoPosta, e con la rata mensile costante con addebito diretto sempre sul conto BancoPosta del richiedente, il prestito personale Bancoposta online, con un importo minimo richiedibile pari a 1.500 euro e max 30 mila euro, può avere una durata da 12 ad 84 mesi.   

Prestiti Personali delle Poste Italiane, riserva di denaro con il Fido BancoPosta

Per chi, in alternativa al prestito, vuole avere grazie alle Poste una riserva di denaro sempre a disposizione per coprire le spese, anche quelle impreviste, presso gli uffici postali è possibile chiedere Fido BancoPosta il cui importo massimo richiedibile può arrivare anche fino a 5.000 euro in base all’importo mensile percepito per la pensione o per lo stipendio.

Nel dettaglio, a fronte di condizioni di concessione che sono chiare e trasparenti, il Fido BancoPosta permette di andare in rosso sul Conto BancoPosta fino all’importo di fido concesso con il vantaggio legato al fatto che la riserva di denaro si va a ripristinare in tutto o in parte ogni volta che sul conto si registrano dei movimenti di denaro in entrata.

Per chiedere ed ottenere il Fido BancoPosta di Poste Italiane è necessario essere un cittadino italiano, residente in Italia, lavoratore dipendente o pensionato che sia titolare di un Conto BancoPosta con un massimo di due cointestatari, e che la pensione o lo stipendio venga accreditato sul conto BancoPosta.




aprile 7, 2016