Mutui Ristrutturazione Casa: Guida Semplificata 2016

Mutui Ristrutturazione



La ristrutturazione della casa rappresenta sia una un investimento che una necessità e comporta costi molto alti per i quali è possibile chiedere un mutuo di ristrutturazione casa.

Per questa ragione prima di pianificare i lavori di ristrutturazione per apportare miglioramenti, di maggiore o lieve entità, bisogna assicurarsi di poter affrontare la spesa o possedere tutti i requisiti per richiedere il mutuo per ristrutturazione casa.

Quando si pensa al mutuo solitamente lo si associa a quello finalizzato all’acquisto di un immobile, ma in realtà il mutuo può essere richiesto anche per finanziare i lavori di ristrutturazione di un immobile.

Il mutuo può essere richiesto anche per finanziare i lavori di ristrutturazione di un immobile.

Generalmente chi è interessato a iniziare i lavori di ristrutturazione la prima cosa che fa è cercare la via meno dispendiosa attraverso la ricerca online di mutui ristrutturazione casa.

Con la guida ai mutui ristrutturazione di Calcolo-Prestiti-Personali.com puoi capire in pochi passi come funzionano i mutui per la ristrutturazione casa online, o mutui bancari per la ristrutturazione, e come vengono calcolano le detrazioni fiscali sui mutui di ristrutturazione casa.

Mutui ristrutturazione casa: cosa fare?




Un modo per scoprire il mutuo che più si addice alla propria casa è cercare un preventivo di mutuo di ristrutturazione casa online perchè in questo modo è facile consultare le sezioni aggiornate sui migliori mutui di ristrutturazione casa.

Non si tratta di cercare quale sia il migliore mutuo di ristrutturazione casa ma di capire quale sia quello più adeguato alle proprie esigenze.

Per ogni fascia di età gli istituti di credito hanno ideato dei mutui ideali ad esempio:

  • i mutui di ristrutturazione per lavoratori dipendenti e impiegati statali
  • i mutui di ristrutturazione casa per i pensionati beneficiari dell’Inps (ex Inpdap)

Come ottenere i mutui per la ristrutturazione della casa?

Per richiedere il mutuo di ristrutturazione casa, così come quello per l’acquisto di un immobile, bisogna presentare una serie di documenti relativi a tutti i lavori corredati dai progetti per le modifiche oltre che i documenti base come i documenti di riconoscimento e quelli che attestano la situazione del reddito e dell’immobile stesso.

Il mutuo per ristrutturazione casa può essere utilizzato sia per lavori di tipo ordinario, per i quali bisogna presentare un preventivo dettagliato, sia per lavori di natura straordinaria come l’ampliamento dell’immobile per i quelli occorre allegare i documenti che attestino il permesso di costruzione e la dichiarazione d’inizio attività dei lavori.

Il mutuo per ristrutturazione casa può essere utilizzato sia per lavori di natura ordinaria che straordinaria.

I lavori di manutenzione ordinaria riguardano interventi da eseguire su un’abitazione oppure su un fabbricato già esistenti e di proprietà e non modificano la destinazione d’uso.

Si tratta di interventi nella sezione esterna su piccole parti della struttura oppure di interventi effettuati all’interno volti a rendere di nuovo funzionale e abitabile un edificio:

  • installazione di nuovi serramenti
  • inserimento di pareti mobili o spostamento di quelle esistenti
  • il restauro o la riparazione del tetto
  • la sostituzione delle grondaie
  • la restaurazione delle facciate

Per questi lavori, trattandosi di piccole opere, non c’è bisogno di concessione edilizia e quindi non occorre pagare nulla al Comune nè segnalare l’avvenuto inizio della ristrutturazione.

I lavori di manutenzione straordinaria hanno una rilevanza maggiore rispetto a quelli di ordinaria amministrazione ma in ogni caso non ne modificano la destinazione d’uso. Si tratta di tutti i lavori indispensabili per garantire la sicurezza e la tenuta dell’abitazione per esempio:

  • il consolidamento o miglioramento di alcune parti strutturali ormai logore o danneggiate
  • la creazione di giardini o cortili senza modificare la struttura dell’edificio

Per questi lavori bisogna presentare un progetto edilizio al Comune firmato da un perito allegando la domanda di autorizzazione edilizia.

Quando invece la ristrutturazione interessa lavori di grande entità svolti all’interno o all’esterno di un edificio ci si riferisce a lavori per Grandi Opere.

Più nello specifico questi interventi comportano una trasformazione che può cambiare la destinazione d’uso dell’edificio.

In questa categoria ci sono i lavori che riguardano:

  • la realizzazione di nuovi stabili
  • gli interventi per aumentare le dimensioni di un edificio
  • l’installazione di case prefabbricate
  • la creazione di parcheggi non condominiale

In questo caso trattandosi di grandi opere è necessario richiedere al Comune una concessione edilizia e versare un contributo all’amministrazione comunale.

Come funzionano i mutui per la ristrutturazione della casa agevolati?




Prima di affrontare il discorso sulle agevolazione fiscali riguardanti i mutui di ristrutturazione casa bisogna prima capire il funzionamento.

Come funziona il mutuo di ristrutturazione della casa ?

Il mutuo di ristrutturazione casa è la soluzione di finanziamento al consumo che permette il credito di una somma prestabilita che verrà poi rimborsata attraverso una serie di rate costanti.

Il mutuo di ristrutturazione della casa può avvenire in due forme:

  • nella forma del prestito finalizzato
  • nella forma di prestito personale

Nel primo caso il prestito è sempre presente un contratto stipulato tra il richiedente e l’Istituto di credito o banca – chiamato col termine tecnico “convenzionato”.

Nel secondo caso la somma ricevuta come prestito può essere utilizzata senza necessariamente doverla vincolare all’acquisto di un bene indicato nel contratto nel quale manca la figura del convenzionato.

Rispetto ai prestiti il mutuo di ristrutturazione casa, soprattutto quando si tratta di cifre importanti, è la scelta più indicata perchè consente la restituzione del mutuo attraverso il pagamento di rate più leggere nel lungo periodo.

Il mutuo per ristrutturazione casa tranne nel caso di cifre piccole, non viene erogato tutto insieme ma in relazione allo stato di avanzamento lavori.

Il mutuatario riceve la somma prevista in diverse tranche e di solito, prima del rilascio l’Istituto di credito invia un perito per controllare lo stato dei lavori. Se è tutto a posto la somma viene versata sul conto del richiedente.

I tassi applicati al mutuo di ristrutturazione casa

Nella decisione del mutuo per ristrutturazione casa più conveniente ciò a cui bisogna badare è il tasso di interesse.

Gli istituti di credito applicano diversi tassi a seconda del mutuo di ristrutturazione:

  • il mutuo di ristrutturazione casa a tasso fisso: le rate del mutuo sono sempre uguali e costanti nel tempo
  • il mutuo di ristrutturazione casa a tasso variabile: le rate variano in base ai parametri di riferimento dei tassi Euribor o Bce
  • il mutuo di ristrutturazione casa a tasso misto: il mutuo consente di partire con un tasso fisso per poi passare a quello variabile o viceversa.

Riguardo alla restituzione del mutuo della ristrutturazione casa solitamente vengono previsti 18 mesi in modo che i lavori vengano conclusi, e successivamente a tale periodo parte il piano per la restituzione del mutuo e fino ad allora il cliente sostiene le spese relative agli interessi stabiliti nel contratto relativi alla somma totale erogata.

Le Spese detraibili dal mutuo di ristrutturazione casa




La scelta di ristrutturazione della casa e l’aumento di domande per mutui di ristrutturazione casa sono in crescita in Italia perchè sono legate alla possibilità di usufruire dei bonus fiscali, che sono talvolta del 50%, e degli sgravi fiscali.

Per i mutui di ristrutturazione casa sono previste diverse detrazioni fiscali e queste possono arrivare al 50% per quanto riguarda gli importi fino a 96.000 euro relativi alle spese sostenute nel biennio 2014-2015.

Per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione che riguardano l’applicazione di misure antisismiche, le detrazioni fiscali arrivano anche al 65%.

Le detrazioni fiscali sono applicabili sia ai lavori di manutenzione ordinaria che a quelli di manutenzione straordinaria.

La detrazione fiscale dal mutuo di ristrutturazione può riguardare le spese inerenti per esempio alla cablatura di un’immobile fatta per ottenere il risparmio energetico e per evitare l’inquinamento acustico, la bonifica di un sito d’amianto oppure quelle spese che riguardano la realizzazione di corrimano o l’installazione di attrezzature e dispositivi per disabili.

Quali sono più precisamente le spese detraibili dai mutui di ristrutturazione casa?

  • nella manutenzione ordinaria le spese detraibili sono solo quelle che riguardano interventi di parti in comune
  • nella manutenzione straordinaria le agevolazioni fiscali comprendono sia i lavori effettuati sulle parti dell’immobile on comune con altri condomini che quelli realizzati sulla singola unità immobiliare

Chi può usufruire delle detrazioni fiscali ?

Le categorie che possono usufruire delle agevolazioni fiscali devono innanzitutto essere soggette all’imposta Irpef e sono:

  • i proprietari dell’immobile
  • i nudi proprietari
  • gli usufruttuari
  • gli affittuari
  • i soci di cooperative
  • gli imprenditori (solo se il fabbricato non è annoverabile tra i beni strumentali o tra le merci)
  • i familiari

Come si ottengono le detrazioni fiscali per il mutuo di ristrutturazione?

Le detrazioni fiscali si ottengono attraverso la presentazione della dichiarazione dei redditi ed è sufficiente riportare i dati catastali dell’edifizio e quelli dell’atto di proprietà dello stesso, se gli interventi sono stati fatti dal proprietario.

In caso contrario occorre presentare l’autorizzazione del proprietario ai lavori di manutenzione e se gli interventi di manutenzione riguardano parti in comune di un edificio condominiale bisogna allegare alla dichiarazione dei redditi la delibera dell’assemblea condominiale.

Le spese della ristrutturazione si pagano attraverso bonifico postale o bonifico bancario.



settembre 16, 2016